Esperto d'Arte

Esperto d'Arte

Blog

Il blog tratta argomenti legati al mondo dell'arte, in particolare alle attività svolte da Orizzonte contemporaneO in ambito di perizie, expertise, inventari, condition report, nonché alle mostre organizzate e in programma, e a cosa offre il panorama dell'arte contemporanea.

Collezione per tutti: gli Old Masters della maison Sotheby's

Aste e CollezionismoPosted by Marina Ciangoli 19 Apr, 2016 17:28

Mercoledì prossimo, 27 aprile, si svolgerà a Londra l'asta dedicata agli "Old Masters". I lotti proposti, stavolta, non sono pezzi da novanta con cifre da capogiro, ma opere dalle stime abbordabili anche per il grande pubblico. Le opere, infatti, appartengono a seguaci, scuole, maniere di grandi Maestri quali Andrea Del Sarto, Rubens, Raffaello, Leonardo da Vinci, Canaletto, Veronese e molti altri fra cui anche autori minori, ma comunque apprezzabili. Le stime, come dicevamo abbordabili, stanno nella maggior parte dei casi al di sotto dei 10 mila euro, e le massime, e solo in pochi casi, si aggirano tra i 40 e i 50 mila euro, eccezion fatta per il top price costituito da un pezzo di Antonio Vàzquez, valutato con una stima massima di oltre 100 mila euro. Con cifre così, non è poi così impensabile anche per i comuni mortali costituire nel tempo una collezione di opere antiche di tutto rispetto, pur non essendo spudoratamente ricchi.

Tra i lotti di maggiore qualità troviamo una fedelissima versione della Prospettiva con portico del Canaletto conservata nelle Gallerie dell’Accademia di Venezia, presente nelle collezioni fin dal 1807, opera che fu presentata come saggio di accettazione per l’Accademia di Belle Arti e che valse a Canaletto la cattedra di architettura prospettica nel 1763. La versione proposta da Sotheby's è in buone condizioni, e dalle analisi all'ultravioletto, condotte dagli esperti della maison, risultano alcuni ritocchi per attenuare i cretti nell'area del cielo azzurro, e sono presenti altri ritocchi nell'area della scena e dall'architettura.




Un'altra opera che merita attenzione, è una copia della Madonna d'Orleans di Raffaello conservata al Museo Condé di Chantilly. Rispetto al raffronto tra l'opera del Canaletto e la sua replica, qui sono più evidenti le discrepanze con la mano di Raffaello: come spesso accade nelle copie, si evince una certa mancanza di morbidezza e sicurezza nell'esecuzione pittorica. La versione postuma è stimata tra i 2,571 e i 3,856 euro.


Molto più evidente è il divario tra la mano di Leonardo da Vinci e l'autore, un seguace nordico, della versione del cartone con raffigurati la Vergine con Bambino, Sant'Anna e San Giovannino conservato alla National Gallery di Londra. Non tanto per l'ovvia differenza di tecnica e supporto, l'uno, il lotto di Sotheby's, è un olio su tavola, l'altro, l'originale di Leonardo, è un disegno su cartone, ma quanto per lo stile più duro, caratterizzato da una tavolozza cupa e da forti accenti bruni nella versione nordica.
E' interessante perché rappresenta il passaggio non compiuto da Leonardo, l'opera della National Gallery, dall'insolita iconografia per l'epoca che univa due iconografie ben più ricorrenti, rimase solo un progetto su cartone, e non fu mai utilizzato per la realizzazione su tavola o parete.


Se vuoi una consulenza in materia di collezionismo assistenza all'acquisto e alla vendita contattami all'indirizzo mail: m.ciangoli@orizzontecontemporaneo.it




  • Comments(0)//espertodarte.orizzontecontemporaneo.it/#post4