Esperto d'Arte

Esperto d'Arte

Blog

Il blog tratta argomenti legati al mondo dell'arte, in particolare alle attività svolte da Orizzonte contemporaneO in ambito di perizie, expertise, inventari, condition report, nonché alle mostre organizzate e in programma, e a cosa offre il panorama dell'arte contemporanea.

Gerhard Richter: il re delle aste

Aste e CollezionismoPosted by Marina Ciangoli 05 May, 2016 11:04

Artista tedesco, classe 1932, Gerhard Richter si attesta quale grande esponente della pittura contemporanea, e indiscusso protagonista delle aste mondiali.

Negli ultimi quindici anni, l’andamento di mercato di Richter ha registrato un andamento superiore agli indici S&P 500, si è quindi comportato meglio, per così dire, rispetto alle performance delle aziende americane a maggior capitalizzazione. Ma ciò che va notato, è l’andamento degli ultimi tre anni, che per Richter rappresentano un momento d’oro, tant’è, che le sue perfomance sul mercato vanno a toccare e ad incrociarsi con gli indici del Dow Jones. Andando per ordine, è fin dal 2001 che il mercato si accorge della portata della produzione artistica di Richter.

Se si vanno ad analizzare il totale dei lotti venduti e degli invenduti, quello che emerge è una parabola tendenzialmente crescente, e anche se il trend di mercato dal 2001 al 2011 è oscillante, i lotti riguardanti Richter crescono di anno in anno, perché sempre più richiesto e apprezzato. Fatta eccezione per il biennio 2008-2009, gli esordi della crisi mondiale, il totale dei venduti doppia, se non oltre, il totale degli invenduti. Andando ad osservare cosa succede nelle aste, l’aspetto che non può che sorprendere è come le opere di Richter battano costantemente, nell’arco degli ultimi 15 anni, le aspettative di aggiudicazioni previste dalle case d’aste, con le sole eccezioni del 1999, 2004 e 2009, dove le medie di aggiudicazioni coincidono o sono poco superiori alla forbice di stima. Ma, una volta di più, gli ultimi 3 anni attestano il grande apprezzamento riscontrato dal mercato per le opere di Richter: addirittura nel 2011 la media di aggiudicazione doppia la media di stima superiore attesa, e il 2001 si afferma come l’anno della scoperta: già qui la media superiore di stima ha un considerevole rialzo rispetto agli anni precedenti, e nonostante questa valutazione, le aggiudicazioni di Richter superano, più che sensibilmente, le previsioni delle case d’asta.

Gerhard Richter, da un punto di vista artistico, ha un grande vantaggio: la versatilità. Il suo eclettismo di tecnica, stile e tematica fa si che le prospettive di mercato si mantengano alte nel tempo, proprio perché i collezionisti hanno una vasta gamma di scelta, e non per niente, anche il sistema museale punta su questo artista, rimasto “orfano” dal 2011 di un gigante della pittura, quale era Lucian Freud.

Richter è al momento il pittore vivente più quotato, da un certo punto di vista lo è anche più di Jeff Koons, se si considera che il corpus delle opere del tedesco preso in toto, vale molto di più di quello dell’americano.

I top lot di Richter sono opere appartenenti alla serie degli Abstraktes Bild, realizzati fra gli anni ’80 e ’90, perché i più richiesti dal mercato. Da non sottovalutare il fatto – seppur puramente modaiolo – che uno di questi pezzi è stato nella collezione del chitarrista Eric Clapton, notizia che ha fatto da cassa di risonanza anche verso coloro che non seguono, o seguono poco, il mondo dell’arte: l’opera in questione, è nella top five delle opere più care di Richter e si tratta dell’Abstraktes Bild (809-4) del 1994, aggiudicato nell’ottobre del 2012 per oltre 26 milioni di euro.

E non sembra arrestarsi la sua crescita nel mercato e battuta di record: nel febbraio 2015, durante la Evening Sale d’arte contemporanea da Sotheby’s a Londra, arriva per il tedesco di Dresda un nuovo record personale: 30,4 milioni di sterline per un altro Abstraktes Bild.

È indiscutibile, attualmente, possedere un’opera di Richter significa possedere uno status symbol, e non è difficile ipotizzare che finita la parabola dei dipinti astratti, inizi quella dei dipinti iperrealisti.





  • Comments(0)

Fill in only if you are not real





The following XHTML tags are allowed: <b>, <br/>, <em>, <i>, <strong>, <u>. CSS styles and Javascript are not permitted.